L’Agenzia delle Dogane e Monopoli, con nota 91956/RU del 26.07.2019, ha fornito precise indicazioni a tutti gli operatori in merito al rilascio dei certificati di circolazione EUR1 ed EUR MED in formato cartaceo.

Al fine di accelerare il rilascio cartaceo dei certificati EUR1 o EUR MED per velocizzare le operazioni in export ai porti ed aeroporti, l’Agenzia delle Dogane, con nota 6305 del 30.05.2003, aveva concesso in determinati casi, agli spedizionieri ed operatori del settore logistico, l’agevolazione della pre-vidimazione di detti certificati.

Ora alla luce del nuovo quadro normativo, dettato dal Codice Doganale dell’Unione (CDU Reg. UE 952/2013) e dai relativi regolamenti di esecuzione, l’emissione cartacea di detti certificati dovrà essere in futuro totalmente sostituita dall’autodichiarazione dell’esportatore, al fine di attestare l’origine preferenziale delle proprie merci da esportare.

Sia le vigenti disposizioni unionali che tutti gli accordi preferenziali sottoscritti dall’ Unione Europea con i rispettivi partner, prevedono, in alternativa ai certificati di circolazione, la semplice dichiarazione su fattura o su altro documento commerciale. Tale possibilità rappresenta per l’esportatore una notevole agevolazione che gli consente di velocizzare le proprie operazioni di esportazioni evitando maggiori oneri e tempi lunghi di sdoganamento.

La dichiarazione di origine può essere compilata, a seconda dei rispettivi accordi, da:

  • Esportatore registrato al sistema REX (accordo Ue-Canada ed Ue-Giappone)
  • Esportatore autorizzato (per tutti i paesi accordisti, ad eccezione Canada e Giappone)
  • Qualsiasi esportatore, né registrato, né autorizzato, per spedizioni di valore inferiore a € 6.000.

L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, con detta circolare, ha sensibilizzato tutti gli uffici periferici delle Dogane a velocizzare l’iter amministrativo per il rilascio di dette autorizzazioni.

La SCS VENTURINI è a disposizione della propria clientela per qualsiasi informazione in materia di origine e sulla normativa e l’iter procedurale, al fine di ottenere la qualifica di esportatore autorizzato o registrato.

Mariaester Venturini