Spedizioni Emirati Arabi Uniti

La SCS Venturini organizza e gestisce le tue spedizioni import-export per gli Emirati Arabi, dal ritiro alla consegna, operando con i principali punti di arrivo e partenza delle merci

CittàGiorniCattura
Dubai diretto16
Abu Dhabi26
Bahrain24
Kuwait25
Doha24
Ryadh24
Dammam24

Perchè esportare negli Emirati Arabi Uniti

Gli EMIRATI ARABI UNITI rappresentano la porta del Medio Oriente, attualmente il più importante mercato internazionale.

Gli Emirati Arabi Uniti sono una realtà moderna, avanzata e dinamica. Uno Stato relativamente “giovane”, indipendente dal 1971, che nell’arco di poco più di 40 anni ha saputo trasformarsi in una delle economie più sviluppate del Medio Oriente, grazie alle ingenti riserve di petrolio e gas naturale e allo sfruttamento per fini commerciali e turistici della propria posizione geografica, strategicamente posizionato fra Asia, Europa ed Africa.

A contribuire alla crescita degli Emirati è stata anche la stabilità politica interna: la famiglia regnante, al potere dalla nascita dello Stato, gode infatti dell’approvazione della popolazione locale grazie alla generosa distribuzione dei proventi petroliferi e a politiche sociali particolarmente attente al benessere dei cittadini di nazionalità emiratina.

Il reddito procapite degli Emirati Arabi Uniti è uno dei più alti nella graduatoria mondiale pertanto il Paese è oggi proiettato verso uno sviluppo bilanciato grazie ad un costante controllo del tasso di inflazione, ad una crescente spesa pubblica attenta allo sviluppo strutturale e ad una lungimirante politica di diversificazione dell’economia: pur essendo infatti gli Emirati uno dei maggiori produttori al mondo di petrolio e di gas naturale, la partecipazione del settore “oil” alla formazione del PIL resta inferiore rispetto al settore dei servizi che, contribuisce ormai per più del 50% (a Dubai per il 5% e per il 30% a livello nazionale).

La prospettiva economica futura è resa incoraggiante, oltre che dalla diversificazione dell’economia rispetto al settore “oil”, anche da un consistente sviluppo dei settori infrastrutture, costruzioni e turismo; un rafforzamento dell’attrazione degli investimenti esteri perseguita attraverso riforme del quadro economico giuridico del Paese (in particolare l’introduzione, pur con alcune limitazioni, della proprietà immobiliare per stranieri ad Abu Dhabi e a Dubai); una stabile impostazione della disciplina normativa in materia di imprese (attualmente imperniata sullo schema 49-51% in favore delle imprese locali); un costo contenuto della manodopera, principalmente proveniente dai Paesi del sub-continente indiano, condizioni fiscali e normative vantaggiose, un basso costo dell’energia e la presenza di numerose zone industriali e free zones (zone franche).

Partendo da queste basi, il Paese continua a scommettere sul futuro con progetti ambiziosi, tra cui la realizzazione dell’Expo Universale 2020.

L’Expo verrà realizzato in un’area equidistante da Dubai ed Abu Dhabi: un complesso di 4.4 kmq a Dubai World Central (DWC), che includerà 700mila mq di padiglioni e spazi espositivi e 500mila mq di strutture permanenti. Il sito avrà un carattere improntato alla sostenibilità ambientale anche nella progettazione dell’area espositiva, con strutture fotovoltaiche che genereranno il 50% dell’energia necessaria al suo funzionamento.

L’Expo sarà strategicamente posizionato vicino al Porto di Jebel Ali e soprattutto vicino al nuovo Al Maktoum International Airport, che sarà pienamente operativo prima del 2020.

All’Expo 2020 sono attesi 25 mln di visitatori, il 71% dei quali – per la prima volta nella storia dell’evento – proverrà da Paesi diversi da quello ospitante: questo significa che gli Emirati Arabi Uniti dovranno essere pronti ad accogliere oltre 17 mln di turisti. Ingenti, quindi, i fondi che dovranno essere investiti nei prossimi anni nel comparto delle infrastrutture e dei trasporti, nel settore ospitalità e immobiliare e nel campo della produzione e distribuzione di energia. Ambiti in cui si aprono grandi possibilità di business per le imprese italiane.

Italia-UAE interscambio commerciale

Gli Emirati Arabi rappresentano il primo mercato di sbocco per le nostre imprese nell’intero mondo arabo. L’Italia si posiziona al settimo posto in assoluto tra i Paesi fornitori e terzo tra i partners europei.

Lasciatosi ormai definitivamente alle spalle il periodo di recessione scaturito dalla crisi finanziaria di Dubai, che nel 2009- 2010 aveva visto l’interscambio commerciale bilaterale limitarsi a valori non superiori ai 4,1 mld di euro, il successivo biennio ha fatto registrare una notevole ripresa dei flussi commerciali.

L’incremento delle esportazioni italiane nel biennio 2011-2012 ha sfiorato complessivamente il 50%. La bilancia commerciale nel 2012 ha continuato a mantenere un saldo nettamente favorevole all’Italia, per oltre 4,8 miliardi di euro, mentre l’interscambio bilaterale complessivo, mai così elevato in passato, ha toccato i 6,1 miliardi di euro (+9,4% rispetto al 2011). Anche nel 2013 l’interscambio commerciale ha continuato a registrare un trend positivo.

La bilancia commerciale rimane nettamente in favore dell’Italia, con un saldo positivo di oltre 4 mld di euro nel 2013.

Le voci merceologiche che nel 2013 hanno maggiormente contribuito all’incremento del nostro export verso gli Emirati sono gli articoli di gioielleria e preziosi (Euro 1,25 miliardi), la meccanica e i beni strumentali (Euro 700 mln), beni di consumo e agroalimentare.

La progressione crescente nell’andamento delle relazioni commerciali bilaterali degli ultimi anni testimonia le grandi potenzialità di sbocco che il mercato emiratino può offrire ai nostri prodotti.

E ciò non solo nelle tradizionali categorie esportate (preziosi e macchinari), ma anche in altri settori merceologici del Made in Italy, come l’alimentare, i mobili, l’abbigliamento, la nautica da diporto e le forniture per la difesa. Le ultime rilevazioni ICE (su dati ISTAT), relative al periodo gennaio–novembre 2014, mostrano una certa ripresa nei valori delle nostre esportazioni verso gli EAU (4,7 miliardi di Euro) rispetto ai livelli registrati nella prima parte dell’anno.

FIERE 2015 E STATISTICHE IMPORT/EXPORT 2014/2015
DescrizioneDownload
Statistiche import/export prodotti 2014Download
Statistiche import/export settori 2014Download
Statistiche import/export prodotti 2015Download
Statistiche import/export settori 2015Download
Fiere 2015 – Abu DhabiDownload
Fiere 2015 – DubaiDownload
Fiere 2015 – SharjahDownload

 

 

 

 

 

 

Seminario Formativo - 15.07.2015 - Esportare negli Emirati Arabi Uniti

Richiedi una quotazione per questo servizio

Roberta Castelli

Roberta Castelli

Sea & Air - Customer Care

Phone: +39 0733 801507 int 402

Contatta Roberta Castelli