Per finanziare attività di promozione dei prodotti agroalimentari all’interno e all’esterno dell’Ue, la Commissione europea ha deciso che stanzierà 200,9 milioni di euro nel 2020.

Già ad ottobre 2019 la Commissione europea e l’Agenzia per i consumatori, la salute, l’agricoltura e la sicurezza alimentare (CHAFEA), avevano approvato 81 campagne di promozione dei prodotti agroalimentari europei all’interno e all’esterno dell’UE nei prossimi tre anni. Tra gli 81 progetti, 17 sono italiani, dove si trova la promozione dell’olio d’oliva in Russia, del vino della Valpolicella in Germania, Gran Bretagna e Repubblica Ceca e la promozione dei formaggi in Belgio, addirittura del pecorino romano in Giappone.

L’attuale programma di lavoro, relativo alla politica di promozione, verrà attuato nel 2020: evidenzierà le principali priorità del sostegno ed aiuterà quindi il settore ad approfittare del mercato agroalimentare globale. Grazie a questa politica europea, si cerca di sensibilizzare i cittadini sui regimi di qualità, compresi i prodotti biologici, e di sostenere i produttori in un mercato sempre più dinamico.

Il Commissario per l’Agricoltura e lo sviluppo rurale Phil Hogan, ha affermato che la reputazione dei prodotti agroalimentari europei nel mondo non ha rivali, essendo infatti l’UE il principale esportatore agroalimentare mondiale. Phil Hogan ha dichiarato: «La nostra politica di promozione, il cui bilancio è in costante crescita, aiuta i produttori non solo a far conoscere i loro prodotti sia all’interno che all’esterno dell’UE, ma anche a far fronte alle difficoltà del mercato, sensibilizzando ulteriormente i cittadini sulla loro produzione. Gli accordi commerciali in vigore creano inoltre condizioni favorevoli all’aumento delle esportazioni verso mercati a forte crescita. La recente conclusione dell’accordo bilaterale UE-Cina sulle indicazioni geografiche rappresenta un ulteriore esempio del lavoro svolto dalla Commissione per creare opportunità per i produttori e per i prodotti di elevata qualità dell’UE».

Nel 2020 più della metà del bilancio, ovvero 118 milioni di euro, sarà destinato a campagne per mercati al di fuori dell’UE, trattasi di Paesi con un elevato potenziale di crescita: Canada, Cina, Giappone, Corea, Messico e Stati Uniti. Tra i settori spiccano i prodotti lattiero-caseari, le olive da tavola e l’olio d’oliva e i vini.

Le campagne selezionate dovrebbero migliorare la competitività e il consumo dei prodotti agroalimentari dell’Unione, ottimizzarne l’immagine e aumentare la propria quota di mercato nei paesi interessati. Inoltre, tali campagne sono tenute ad informare i consumatori dell’UE e del mondo dei vari regimi e delle diverse etichette di qualità dell’Ue (indicazioni geografiche o prodotti biologici). L’obiettivo sarà la promozione di un’alimentazione sana e l’aumento del consumo di frutta e verdura fresca per rispettare un’alimentazione equilibrata.

Le organizzazioni professionali, le organizzazioni di produttori e i gruppi agroalimentari responsabili delle attività di promozione, possono presentare proposte e richiedere finanziamenti e tali proposte saranno pubblicate nel 2020.

I programmi si dividono in semplici e multipli: I programmi “semplici” possono essere presentati da una o più organizzazioni del medesimo Stato membro, mentre i programmi “multipli” coinvolgono almeno due organizzazioni nazionali provenienti da almeno due Stati membri o da almeno una o più organizzazioni europee. Per il 2020 i programmi semplici riceveranno 100 milioni di euro e i programmi multipli 91,4 milioni di euro.

Alle iniziative di Commissione è riservato un importo supplementare di 9,5 milioni di euro e tra queste figurano ad esempio iniziative diplomatiche promosse dal commissario per l’Agricoltura e lo sviluppo rurale e accompagnate da una delegazione commerciale. Altri 17,2 milioni di euro saranno stanziati per programmi di promozione multipli 2019. Si tratta di un decisivo sostegno supplementare per i seguenti prodotti: formaggi, burro, olio d’oliva e olive da tavola.

Per ulteriori informazioni

Programma di lavoro annuale 2020

Per ulteriori informazioni sulla politica di promozione dei prodotti agricoli dell’UE

 

in milioni di €

PROGRAMMI SEMPLICI

100

Programmi semplici nel mercato interno

20

Tema 1. Programmi relativi ai regimi di qualità dell’UE (prodotti biologici, indicazioni geografiche, logo “regioni ultraperiferiche”)

12

Tema 2. Programmi intesi a mettere in luce le caratteristiche salienti dei metodi di produzione agricola nell’Unione (ad esempio, sicurezza alimentare, tracciabilità, autenticità, etichettatura, aspetti nutrizionali e sanitari, benessere degli animali) e le caratteristiche dei prodotti dell’UE per quanto riguarda la qualità, il gusto, la varietà o le tradizioni (= al di fuori dei regimi di qualità dell’UE)

8

Programmi semplici nei paesi terzi

75

Tema 3. Cina, Giappone, Corea, sud-est asiatico, Asia meridionale

27,5

Tema 4. Canada, USA, Messico

20

Tema 5. Altre zone geografiche

22,5

Tema 6. Programmi di informazione e di promozione di carni bovine destinate a paesi terzi

5

Programmi semplici per le turbative di mercato/ulteriore invito a presentare proposte

5

 

 

PROGRAMMI MULTIPLI

91,4

Programmi multipli nel mercato interno

43

Tema A. Programmi relativi ai regimi di qualità dell’UE (prodotti biologici, indicazioni geografiche, logo “regioni ultraperiferiche”) OPPURE programmi intesi a mettere in luce le caratteristiche salienti dei metodi di produzione agricola nell’Unione (ad esempio, sicurezza alimentare, tracciabilità, autenticità, etichettatura, aspetti nutrizionali e sanitari, benessere degli animali) e le caratteristiche dei prodotti dell’UE per quanto riguarda la qualità, il gusto, la diversità o le tradizioni

35

Tema B. Programmi di informazione e di promozione volti ad aumentare il consumo di ortofrutticoli freschi nel mercato interno nel contesto di un’alimentazione equilibrata e corretta

8

Programmi multipli nei paesi terzi

43,4

Tema C. Programmi relativi ai regimi di qualità dell’UE (prodotti biologici, indicazioni geografiche, logo “regioni ultraperiferiche”) OPPURE programmi intesi a mettere in luce le caratteristiche salienti dei metodi di produzione agricola nell’Unione (ad esempio, sicurezza alimentare, tracciabilità, autenticità, etichettatura, aspetti nutrizionali e sanitari, benessere degli animali) e le caratteristiche dei prodotti dell’UE per quanto riguarda la qualità, il gusto, la diversità o le tradizioni

43,4

Programmi multipli per le turbative di mercato/ulteriore invito a presentare proposte

5

Iniziative proprie della Commissione

9,5

Totale azioni di promozione

200,9

La SCS Venturini è una casa di spedizioni internazionali attiva dal 2004 nei settori aereo, marittimo, terrestre, operativo dogana, logistica e consulenza. Offre tutti i servizi legati alle spedizioni da e per tutto il mondo e, in particolare, nelle seguenti aree: Cina e far East (Korea, Giappone, Taiwan); Indonesia; India; Brasile; Medio Oriente; Nord e Sud America