Il grande protagonista dell’economia del mare nel Mediterraneo è Suez.

Il canale di Suez è un canale artificiale navigabile situato in Egitto, ad ovest della penisola del Sinai, tra Porto Said sul Mar Mediterraneo e Suez (al-Suways) sul Mar Rosso. Il canale consiste di due tratte, a nord e a sud del Grande Lago Amaro e permette la navigazione dall’Europa all’Asia, senza la necessità di circumnavigare l’Africa sulla rotta del Capo di Buona Speranza.

Il Nuovo canale è stato inaugurato nell’agosto del 2015. La grande opera infrastrutturale è stata realizzata in tempi record e la sua particolarità è che ora le navi possono transitare in entrambe le direzioni lungo tutto il percorso del canale. Grazie a questa caratteristica, c’è una riduzione dei tempi di transito, un aumento del numero dei passaggi delle navi e la dimensione delle unità di transito non è più un limite.

Uno studio del gruppo Intesa Sanpaolo e AlexBank (Banca di Alessandria, una delle più grandi banche in Egitto), testimoniano che lo scopo del Governo egiziano è di attirare traffico aumentando la convenienza del passaggio anche per alcune rotte dell’Asia verso la costa orientale degli Stati Uniti, il cui naturale percorso sarebbe attraverso Panama. Inoltre, il Governo egiziano ha sviluppato un nuovo progetto con la Suez Canal Zone: di fianco al canale esiste ora una vasta Zes (Zona economica speciale), così da attirare capitali esteri per iniziare attività logistiche, industriali e manifatturiere.

Suez è al cento per cento uno snodo strategico per i traffici marittimi mondiali mercantili. Si conferma dal fatto che oltre il 9% del commercio internazionale del globo utilizza il canale come via di passaggio e le merci in transito a Suez, dal raddoppio, sono in costante crescita. Nel 2018 poi è l’anno in cui è stato segnato un doppio record:

  • per il numero di navi, oltre 18 mila (+3,6% rispetto al 2017);
  • per il cargo trasportato pari a 983,4 milioni di tonnellate, ossia +8,2% sul 2017;

Le principali tipologie di merci che transitano per il canale di Suez, sono i container e il petrolio.

Importante sottolineare che nel 2018 la dimensione media delle navi che hanno attraversato il canale è cresciuta del 12% rispetto al 2014, evidenziando che la nuova infrastruttura sta assecondando le esigenze del gigantismo navale, fenomeno che riguarda tutte le tipologie di naviglio.