STATUS DI ESPORTATORE AUTORIZZATO

Con Nota n.200901 del 03.12.2019 dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, l’eliminazione della previdimazione dei certificati EUR1, è stata prorogata al 22 Aprile 2020.

Come noto, lo status di Esportatore autorizzato è un beneficio che rientra nelle procedure di semplificazione doganale e permette all’operatore economico di dichiarare l’origine preferenziale delle merci direttamente sulla fattura commerciale a prescindere dal valore della merce in esportazione (anche se superiore a 6.000 €) evitando così l’emissione del certificato cartaceo EUR 1 abbattendo dunque costi e tempi per l’espletamento dell’operazione doganale in export, anche in caso di uso della resa EX-WORKS.

L’ultimo accordo siglato dalla UE risale al 21 novembre 2019, con il Singapore, uno dei Paesi dell’ASEAN (Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico).

I requisiti standard e necessari alla corretta presentazione dell’istanza ed ottenimento dello status di esportatore autorizzato sono:

  1. Esportazioni già effettuate verso i paesi oggetto della domanda (fatta eccezione per la Corea del Sud per la quale è necessario ottenere lo status di Esportatore Autorizzato, in quanto l’EUR1 non viene accettato);
  2. Origine preferenziale della merce in esportazione (occorre un lavoro di pre-audit per verificare l’effettiva origine preferenziale delle proprie merci e richiedere, qualora necessario, tutti i documenti giustificativi che ne permettano l’accertamento.

Ottenuta l’autorizzazione, l’operatore economico sarà abilitato ad inserire e sottoscrivere direttamente in fattura la dichiarazione di origine preferenziale, specificando il codice rilasciato dall’Ufficio delle Dogane e senza apporre la firma manoscritta del Legale Rappresentante o di un soggetto con poteri di firma.

Per ottenere lo status di esportatore autorizzato contattaci

SISTEMA REX

Dal 21 settembre 2017, giorno in cui è entrato in vigore l’accordo di libero scambio tra Unione Europea e Canada (CETA), si è iniziato a parlare di REX. Il REX non è altro che una nuova banca dati dove gli esportatori possono registrarsi, inviando apposita domanda all’ufficio delle Dogane competente per territorio.

Una volta ottenuto il numero di registrazione, sarà possibile dichiarare nelle proprie fatture commerciali, l’origine preferenziale delle merci. Si ricorda che i Paesi aderenti al sistema REX non accettano il certificato di origine EUR1.

Dopo l’accordo CETA, il 1° febbraio 2019 è entrato in vigore un altro importante accordo, JEFTA, tra Unione Europea e Giappone e dal 1° gennaio 2020 i PTOM (Paesi e Territori d’oltremare) hanno aderito al REX e, a differenza degli altri accordi, la registrazione al REX per i PTOM è obbligatoria per valori superiori a 10.000 €.

Per l’iscrizione al sistema REX contattaci

ACCORDI COMMERCIALI DI LIBERO SCAMBIO TRA UE E PAESI TERZI

Paesi EFTA

Paese accordista

Regole di origine / Cumulo

Svizzera (01.01.1973)

Free Trade Agreement,
Agreement on trade in agricultural products,

Protocol 3 (Accordo Paneuromediterraneo)
Cumulo bilaterale e diagonale

Islanda (01.04.1973)
Free Trade Agreement,

Protocol 3 (Accordo Paneuromediterraneo)

Cumulo bilaterale e diagonale

Norvegia (01.07.1973)
Free Trade Agreement,

Protocol 3 (Accordo Paneuromediterraneo)

Cumulo bilaterale e diagonale

Isole Faraoe (01.01.1997)
Agreement,

Protocol 3 (Accordo Paneuromediterraneo)

Cumulo bilaterale e diagonale

European Economic Area (EC-IS-NO-LI)
Association Agreement,

Protocol 4 (Accordo Paneuromediterraneo)

Cumulo bilaterale, diagonale e totale

Paesi Mediterranei

Paese accordista

Regole di origine / Cumulo

Turchia
Prodotti industriali (01.01.1996)
Decision No 1/2006 of the EC-Turkey Customs Cooperation Committee

Cumulo bilaterale e diagonale
(OJ L 265 of 26.9.2006 p.18, as last amended by OJ L 267 of 27.9.2006 p.48)

– Prodotti del carbone e acciaio (01.01.1997)
Agreement,

– Prodotti agricoli (01.01.1998)
Decision on the trade in agricultural products,

Protocol 1
Cumulo bilaterale e diagonale
Protocol 3

Cumulo bilaterale e diagonale

Algeria (01.09.2005)
Euro-Mediterranean Association Agreement,

Protocol 6

Cumulo bilaterale, diagonale e totale

Tunisia (01.03.1998)
Euro-Mediterranean Association Agreement ,

Protocol 4

Cumulo bilaterale, diagonale e totale

Marocco (01.03.2000)
Euro-Mediterranean Association Agreement,

Customs implications of ECJ judgement in case C-104/16P (Western Sahara)

Protocol 4  Decision N° 1/2011

Cumulo bilaterale, diagonale e totale

Israele (01.06.2000)
Euro-Mediterranean Association Agreement ,
Revised notice to importers of goods from Israel (Technical Arrangement)

Protocol 4

Cumulo bilaterale, diagonale e totale

Palestina e Striscia di Gaza (01.07.1997)
Euro-Mediterranean Interim Association Agreement ,

Protocol 3 

Cumulo bilaterale e diagonale

Egitto (01.06.2004)
Mediterranean Association Agreement,

Protocol 4 

Cumulo bilaterale e diagonale

Giordania (01.05.2002)
Euro-Mediterranean Association Agreement,

Protocol 3

Cumulo bilaterale e diagonale

Lebanon (01.03.2003)
Euro-Mediterranean Association Agreement,

Protocol 4
Cumulo bilaterale

Siria (01.07.1977)
Cooperation Agreement,

Protocol 2
Cumulo bilaterale

 

Paesi dei Balcani occidentali

Paese accordista

Regole di origine / Cumulo

Macedonia del Nord (01.06.2001)
Stabilisation and Association Agreement,

Protocol 4 

Cumulo bilaterale e diagonale

Albania (01.04.2009)
Stabilisation and Association Agreement ,

Protocol 4 

Cumulo bilaterale e diagonale

Bosnia – Herzegovina (01.07.2008)
Interim Agreement on trade and trade-related matters,

Protocol 2 

Cumulo bilaterale e diagonale

Montenegro (01.01.2008)
Stabilisation and Association Agreement,

Protocol 3

Cumulo bilaterale e diagonale

Serbia (08.12.2009)
Stabilisation and Association Agreement,

Protocol 3

Cumulo bilaterale e diagonale

 

Accordi di partenariato

Paese accordistaRegole di origine / Cumulo

Moldavia (1.9.2014)
Association Agreement,

Protocol II 

Cumulo bilaterale e diagonale

Georgia (1.9.2014)
Association Agreement,

Protocol I 

Cumulo bilaterale e diagonale

Ucraina (1.1.2016)
Association Agreement,

Protocol I 

Cumulo bilaterale e diagonale

 

Altri Paesi e territori

Paese accordista

Regole di origine / Cumulo

Andorra 
Agreement ,

Appendix to the Agreement

Cumulo bilaterale

Africa , Caraibi e Isole del Pacifico (ACP) (01.04.2003)

Council Regulation No. 1528/2007 

Cumulo bilaterale e totale

Messico (01.07.2000)
 Decision 2/2000 

Annex III to the Decision

Cumulo bilaterale

Cile (01.03.2005)
Association Agreement 

Annex III to the Agreement

Cumulo bilaterale

Comunità andina

Peru (01.03.2013)
Trade AgreementS

Colombia (01.08.2013)
Trade Agreement 

Ecuador (01.01.2017)

Trade Agreement 

Annex II to the Agreement

Cumulo bilaterale e regionale

America Centrale
Association Agreement Honduras, Nicaragua, Panama (01.08.2013)
Costa Rica and El Salvador (01.10.2013)
Guatemala (01.12.2013)

Annex II to the Agreement

Cumulo bilaterale e regionale

Corea del Sud (01.07.2011)

Free trade Agreement between the European Union and its Member States, of the one part, and the Republic of Korea, of the other part

Protocol concerning the definition of ‘originating products’ and methods of administrative cooperation

Cumulo bilaterale

Ceuta e Melilla

Council Regulation (EC) No. 82/2001 of 5 December 2000

Canada

Comprehensive Economic and Trade Agreement (CETA) 

Giappone

Trade agreement

Singapore

Trade agreement

 

Altri accordi

Preferential arrangement

Rules of origin/cumulation

Overseas countries and territories (01.01.2014) (f)
(Council Decision No. 2013/755/EU 

Annex VI to the Decision
“EC-OCT-EPA” bilateral and full cumulation, cumulation with GSP countries, extended cumulation

Generalised System of Preferences
Until 31/12/2013: Council Regulation (EC) No. 732/2008 of 22 July 2008, OJ L 211, 6.8.2008, p. 1
From 1/1/2014: Council Regulation (EC) No 978/2012 of 25 October 2012, OJ L 303, 25.10.2012, p. 1.

Articles 66 to 97w
Commission Reg. (EEC) No 2454/93 of 2 July 1993
“EC-NO-CH” bilateral, regional and diagonal cumulation (d)

Kosovo(*) (until 31.12.2020)
Regulation (EU) 2015/2423 of the European Parliament and of the Council of 16.12.2015 amending Council Regulation (EC) No 1215/2009

Articles 97x to 123
Commission Regulation (EC) No. 2454/93 of 2 July 1993
Bilateral cumulation