MICAM 2018: La parola d’ordine è vanità

da | Feb 20, 2018 | Mercati Esteri, Mercato interno e comunitario

Dall’11 al 14 febbraio si è svolta la fiera internazionale della calzatura: il Micam.

Se nella scorsa edizioni si è parlato di Lussuria e Seduzione, quest’anno il tema portante è la Vanità, una vanità che racconta “l’orgoglio di chi si piace e la bellezza e la quantità artigianale della scarpa italiana, icona di unicità, espressione di uno stile elegante e raffinato”.

Per il più importante appuntamento internazionale erano presenti 1364 espositori, 603 stranieri e 761 italiani, che hanno scoperto le nuove collezioni per l’autunno e l’inverno, spaziando dall’arte della calzatura che fanno parte dell’italian lifestyle, all’eccellenza manifatturiera fra tradizione e innovazione dei suoi brand. La fiera è iniziata all’insegna di un moderato ottimismo con l’export che sostiene la produzione, così il settore calzaturiero (in Italia oltre 77mila addetti e quasi 5mila aziende), comincia a vedere i primi segnali di ripresa con l’aumento delle esportazioni e diminuzioni nelle importazioni. 

Aspetti positivi per l’export verso Russia, Svizzera, Sud Corea e soprattutto per quanto riguarda la Cina, in aumento del 10,4% per quantità, anche se solo dell’1,6% in valore. Ciò indica che non è solo il lusso a crescere, ma aumentano anche le calzature con prezzi più contenuti. Secondo le proiezioni del centro studi di Confindustria, si stima che nel 2017 sono state esportate nel mondo 208,6 milioni paia di scarpe (+1,3%), per un valore di 9,2 miliardi di euro (+3,5). La produzione Made in Italy evidenzia quindi segnali di tenuta, invertendo la rotta dopo un triennio di contrazioni.

Grazie all’aumento delle esportazioni e della produzione di cui hanno beneficiato i grandi marchi, possiamo affermare che il 2017 è stato un anno di assestamento ed è proprio ora che bisogna continuare a spingere per far crescere anche gli acquisti delle famiglie italiane, in calo da dieci anni.

Il Micam è anche questo: attrarre buyer, aziende e curiosi e appassionati di tutto il mondo. Una manifestazione unica dove poter lanciare i propri prodotti, stabilire o consolidare relazioni d’affari e finalizzare le strategie commerciali.

Immancabile la famosa installazione a forma di scarpa maschile blu, sotto la quale è possibile farsi pulire le calzature dagli sciuscià. Per i più piccoli invece c’era Monsieur Plant, artista parigino celebre per le sue sculture naturali fatte di fiori, cortecce, muschio ed erbe.

Un Micam ricco di sorprese e importanti new entry: da Frau a Fragiacomo, da Paciotti a Zecchino D’Oro. E’ stata dedicata anche particolare attenzione al tema della contraffazione: è stato allestito un «Museo del vero e del falso», dove sono stati esposti modelli originali e contraffatti, dedicato appunto alla lotta alla contraffazione che penalizza il Made in Italy.

 

 

 

La SCS Venturini ha partecipato alla fiera e ha avuto l’occasione di conoscere il meglio della calzatura mondiale in un ambiente ancora più spettacolare, tra stanze buie illuminati da colonne di led e spazi dedicati alla realtà virtuale, una nuova area per i designer emergenti, nazionali e internazionali, e uno spazio per la calzatura da bambino.

La SCS Venturini è inoltre in grado di curare le vostre spedizioni internazionali import/export e assistervi dal punto di vista commerciale per avviare o rafforzare rapporti commerciali con fornitori e/o clienti.

Daniele Paolini

Daniele Paolini

Reparto Consulenza

Contattaci