IRAN: NUOVE OPPORTUNITA'

Con una popolazione di quasi 80 milioni di persone e un PIL che nel 2015 ha raggiunto i 394 miliardi di dollari, l’Iran è la seconda economia della regione Middle East e North Africa (MENA). A causa delle sanzioni imposte da ONU, USA e EU il potenziale dell’economia Iraniana è rimasto inutilizzato negli anni passati.

Dal 16 Gennaio 2016 sono state eliminate gran parte delle sanzioni imposte all’Iran consentendo al Paese un progressivo ritorno al commercio internazionale e creando per le aziende Italiane grandi opportunità in vari settori. Secondo le proiezioni, grazie all’eliminazione delle sanzioni, il PIL raggiungerà una crescita nel 2016 e 2017 del 4,2% e del 4,6%.

Le sanzioni internazionali hanno, di fatto, isolato il Paese per 10 anni e oggi ogni settore necessita rinnovamento. Nel settore Oil&Gas c’è bisogno di nuova tecnologia come valvole, raccordi e strutture per la lavorazione domestica del petrolio. Nel settore automotive, bisognerà rinnovare un parco circolante molto vecchio. Alcune case automobilistiche francesi già si stanno preparando e hanno siglato joint ventures con imprese locali.

Inoltre, la popolazione entro il 2050 toccherà i 100 milioni di persone: ci sarà quindi bisogno di alloggi popolari e di lusso, strutture alberghiere e uffici. Oltre alla richiesta di alloggi, soprattutto le élite iraniane, stanno iniziando a prestare molta attenzione alle nuove tendenze di design. Di conseguenza, le opportunità saranno molte anche per le aziende del settore del mobile, della moda e di tutto il made in Italy.

L’eliminazione delle sanzioni ha quindi abbattuto le barriere al commercio ma non ha eliminato tutte le problematiche per fare business. Infatti alcune normative doganali non sono n linea con quelle internazionali e soprattutto ci sono ancora restrizioni per alcuni tipi di merci. Quindi prima di esportare qualsiasi bene è bene verificare, con l’aiuto di esperti in materia, se essi siano o meno inseriti nelle categorie proibite. Ad esempio, la normativa iraniana proibisce l’import di beni come bevande alcoliche, beni destinati al gioco d’azzardo e tutti quei beni che possano contrastare con la moralità pubblica.

La riapertura agli scambi internazionali ha creato e creerà nuove opportunità ma non bisogna mai dimenticare che ci si stà relazionando con una realtà ancora inesplorata in alcuni dei suoi aspetti. E’ quindi bene prendere le dovute precauzioni prima di effettuare qualsiasi operazione.

SCS Venturini ti può offrire un servizio mirato di pianificazione ed eventuale trasporto VIA MARE (FCL ed LCL) per il porto di Bandar Abbas in 20/25 gg e VIA AEREA per i maggiori aeroporti commerciali del Paese, tramite voli diretti e non.

Roberta Castelli

Roberta Castelli

Sea & Air - Customer Care

Telefono: +39 0733 801912

Mobile: +39 331 6120075

Contatta Roberta Castelli