Il presidente della Cina Xi Jinping è atterrato all’aeroporto Punta Raisi di Palermo per una visita privata, accompagnato dalla moglie Peng Liyuan e da oltre 200 collaboratori. Ad accoglierlo il presidente della Regione Nello Musumeci, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e il prefetto Antonella De Miro.

L’incontro con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella è avvenuto venerdì 22 marzo ed è durato 20 minuti. La cooperazione tra Italia e Cina è stata confermata e rafforzata e l’incontro è stato fruttuoso, con un ampio consenso. «Ringrazio il presidente Mattarella – ha detto Xi Jinping – per l’accurata e squisita accoglienza: nonostante la distanza geografica, i due popoli nutrono da sempre una profonda amicizia».

Xi Jinping afferma che ci troviamo davanti a un cambiamento epocale e la Cina e l’Italia sono due importanti forze nel mondo per salvaguardare la pace e promuovere lo sviluppo. La Cina vuole lavorare con l’Italia per rilanciare lo spirito di equità, rispetto e giustizia. «Siamo partner strategici – ha spiegato ancora Xi – con rispetto e fiducia. Fra di noi non c’è nessun conflitto di interesse e sappiamo entrambi come rispettare le preoccupazioni della controparte».

Successivamente, Mattarella ha affrontato il tema dei diritti umani: «Alla luce del mandato italiano nel consiglio per i diritti umani dell’Onu, desidero auspicare che, in occasione della sessione del dialogo Ue-Cina sui diritti umani che si svolgerà a Bruxelles dopo quella che si è svolta a Pechino lo scorso luglio, si possa proseguire in un confronto costruttivo sui temi così rilevanti».

Mattarella ha proseguito dicendo che l’antica Via della Seta fu uno strumento di conoscenza fra popoli e di condivisione di reciproche scoperte. Di conseguenza, anche la Nuova deve essere una strada a doppio senso di percorrenza, dove lungo di essa devono transitare, oltre alle merci, anche idee, talenti, conoscenze, soluzioni lungimiranti a problemi comuni e progetti di futuro. «Il contributo italiano alla ‘Nuova Via della Seta della Conoscenza’ ha un significato cruciale in un percorso che ambisce al confronto su nuove idee, progetti, scambi di conoscenze, opportunità scientifiche e tecnologiche e tendenze della contemporaneità» ha ribadito il presidente della Repubblica.

Inoltre, Luigi Di Maio e il presidente della National Development and Reform Commission, He Lifeng, hanno firmato il Memorandum sulla collaborazione nell’ambito della “Via della Seta Economica” e dell’iniziativa per una Via della Seta marittima del 21° secolo.

A ricevere il presidente della Repubblica Popolare Cinese Xi Jinping a Villa Madama, nel cortile antistante Villa Madama, è stato il presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte. 

Italia e Cina, ha affermato il premier Conte nel discorso bilaterale con il presidente cinese Xi Jinping a Villa Madama, devono impostare relazioni più efficaci e costruire meglio rapporti che sono già molto buoni. Al tavolo hanno preso parte le delegazioni ufficiali dei due Paesi.

Un lungo applauso e la stretta di mano tra il premier Giuseppe Conte e il presidente cinese Xi Jinping ha concluso la cerimonia.