A seguito dell’Accordo di Recesso tra Il Regno Unito e l’Unione Europea, entrato in vigore il 01 febbraio 2020, e dopo il previsto periodo di transizione terminato il 31 dicembre 2020, il Regno Unito è uscito  definitivamente dall’Unione Europea, diventando a tutti gli effetti un paese terzo.

Conseguentemente tutta la movimentazione delle merci da e per il Regno Unito non godrà più della libera circolazione, ma sarà soggetta all’espletamento delle procedure doganali di import ed export ed ai relativi controlli.

L’Agenzia delle Dogane e Monopoli, al fine di facilitare la movimentazione delle merci dall’Italia verso il Regno Unito e viceversa, con la circolare 49/2020 del 30.12.2020, ha previsto alcune semplificazioni per effettuare le operazioni doganali di esportazione in partenza, ovvero presso la sede dell’esportatore o presso altri luoghi di logistica deputati alla movimentazione ed al carico delle merci, come per altro già previsto dal Codice Doganale (art. 221 del Reg. 2015/2447). Tutto ciò anche e soprattutto per decongestionare i confini europei e/o nazionali.

Con detta circolare l’ADM ha anche sensibilizzato gli esportatori ad evitare l’utilizzo, nelle transazioni commerciali con l’UK, della resa EXW, causa rischi di natura fiscale ed amministrativa. Non essendo più le merci in libera circolazione, come avvenuto sino al 2020, l’esportatore deve ora provare, tramite l’emissione della bolla doganale, l’uscita delle stesse dal territorio doganale dell’Unione, pena il recupero dell’Iva. Di conseguenza è di estrema importanza poter effettuare le operazioni doganali in partenza sia presso la propria sede o presso i propri punti di logistica ed ottenere il rilascio automatico del DAU dal sistema informatico dell’ADM.

Per ottenere le previste semplificazioni doganale citate nella circolare 49/2020, occorre presentare una apposita istanza, da dove risulti:

  • Il possesso del titolo giuridico per l’utilizzo del luogo,
  • La continuità delle operazioni doganali,
  • Planimetria con relativa relazione tecnica.

Causa emergenza Covid-19 e l’improrogabile necessità di agevolare i traffici con il Regno Unito, l’autorizzazione all’espletamento delle operazioni doganali presso luogo approvato, verrà rilasciata dall’Ufficio doganale competente per la sede dell’esportatore, in tempi brevi e soprassedendo al sopralluogo fisico presso i locali.

L’autorizzazione all’espletamento delle operazioni doganali presso la sede dell’operatore è valida non solo per l’export, ma anche per l’import. Di conseguenza, anche eventuali arrivi dal Regno Unito, potranno essere sdoganati all’import presso la propria sede con notevoli risparmi di tempi e di costi.

Il servizio offerto dalla SCS Venturini non si limita all’assistenza nell’ottenimento delle autorizzazioni doganali previste e al tradizionale espletamento delle operazioni doganali tramite il proprio personale, ma offre la possibilità a tutte le aziende di digitalizzare i processi Doganali tramite una soluzione software, adattabile a tutti i sistemi gestionali: DOGANA 4.0.

La SCS Venturini è a disposizione della propria clientela per ulteriori approfondimenti e chiarimenti in materia all’argomento trattato.