L’accordo di riconoscimento reciproco dello status di operatore economico autorizzato (AEO) firmato tra Cina e Uganda, è entrato in vigore, secondo quanto comunicato dall’Amministrazione generale delle dogane (GAC).

Questo accordo permette alle aziende che ottengono lo status di AEO nei due paesi accordisti, di godere di procedure doganali semplificate in grado di accorciare considerevolmente i tempi dello sdoganamento (ad es. l’esame ridotto e lo sdoganamento prioritario), così da ridurre i costi di stoccaggio e logistica.

L’Amministrazione generale delle dogane ha dichiarato infatti che questo accordo, il primo di questo tipo ad entrare in vigore tra la Cina e un Paese africano, sarà in grado di agevolare ed incrementare lo sviluppo della cooperazione economica e commerciale bilaterale tra Cina e Uganda, aumentandone la qualità sotto tutti i punti di vista.

Le aziende cinesi, di conseguenza, saranno libere di esportare in Uganda prodotti meccanici ed elettrici, abbigliamento e calzature nella maniera per loro più conveniente e di converso, i consumatori cinesi potranno godere di prodotti ugandesi come sesamo, cotone, cuoio, caffè e altri, qualitativamente migliori.

Finora la Cina ha firmato accordi AEO con 52 Paesi e regioni.

Vanessa Antonelli

La SCS Venturini è sempre disponibile a fornire qualsiasi informazione in merito alle politiche di natura doganale, dazi e classificazioni.