Anche se la Commissione Europea sta facendo il possibile per raggiungere un accordo reciprocamente vantaggioso con il Regno Unito, vi è ancora forte incertezze sulla possibilità che detto accordo possa essere sottoscritto entro il 31 dicembre 2020. La Commissione europea ha presentato oggi una serie di misure di emergenza mirate in grado di garantire, per entrambe le parti,  collegamenti aerei, stradali e marittimi  tra l’UE e il Regno Unito e l’accesso della pesca marittima nelle acque territoriali dell’una e dell’altra parte. Scopo delle misure di emergenza è quello di attenuare le inevitabili difficoltà nel periodo in cui non sarà stato raggiunto un accordo.

La Presidente von der Leyen ha così dichiarato: “I negoziati sono ancora in corso. Tuttavia, considerato che la fine del periodo di transizione è prossima, non vi sono garanzie che, se o quando un accordo verrà stipulato, esso potrà entrare in vigore in tempo. Dobbiamo essere pronti a tutte le eventualità, compresa quella di arrivare al 1º gennaio 2021 senza un accordo in vigore con il Regno Unito. Questo è il motivo per cui oggi presentiamo queste proposte.”

Le misure di emergenza riguardano i seguenti settori:

  • Connettività di base del trasporto aereo
  • Sicurezza aerea
  • Connettività di base del trasporto stradale
  • Pesca .

E’ importante condividere il presente comunicato stampa della Commissione Europea del 10 dicembre 2020, dove gli operatori potranno trovare tutte le informazioni riguardante lo stato dell’arte dell’attuale situazione BREXIT.

La SCS Venturini è a disposizione della propria clientela per qualsiasi informazione necessitasse, soprattutto in questo periodo di forti incertezze.

Mariaester Venturini