Il nuovo regime tariffario doganale del Regno Unito, che andrà a sostituire la tariffa esterna dell’Unione Europea, si chiamerà UKGT, ovvero UK Global Tariff. Tale regime si applicherà a tutti i Paesi che non hanno accordi doganali con il Regno Unito e rimuoverà i dazi inferiori al 2%. Ad annunciarlo è stato il governo britannico.

Liz Truss, Segretario di Stato per il Commercio Internazionale, ha affermato che per la prima volta in 50 anni, il Regno Unito è in grado di impostare il proprio regime tariffario su misura per l’economia del Paese. Inoltre, ha evidenziato che “il nuovo sistema andrà a beneficio dei consumatori e delle famiglie del Regno Unito, riducendo la burocrazia e il costo di migliaia di prodotti di uso quotidiano”. Verrà di conseguenza sostenuta l’industria e saranno capaci di aiutare le aziende a superare le sfide economiche senza precedenti poste del coronavirus.

L’UKGT manterrà invariati i dazi su una seria di settori chiave per l’industria del Regno Unito:

  • Agricoltura
  • Automotive
  • Pesca

Parallelamente, verranno eliminati i dazi sulle importazioni che entrano nelle catene di approvvigionamento come ad esempio viti e bulloni, per un valore di 30 miliardi di sterline.

Per alcuni prodotti, come elettrodomestici, prodotti sanitare e prodotti da cucina (ad esempio il lievito in polvere), la tariffa sarà ridotta. In aggiunta, ci saranno dazi ridotti su oltre 100 prodotti green, come termostati e lampade a LED.

Londra ha confermato il dazio del 10% sulle automobili, tagliando però le tariffe su decine di miliardi di sterline di importazione di componentistica automotive.

La SCS Venturini è a disposizione dei propri clienti per fornire consulenza ed assistenza in tutte le future operazioni doganali da e per il Regno Unito.